Esperimento del Nevada

Postato il Aggiornato il

Leggiamo direttamente dall’articolo di Boscoli: [2]

Il ventidue marzo scorso, i giornali italiani hanno riportato una notizia “BOMBA” pubblicata il giorno precedente sul “New York Times”: “Due anni fa, nel campo prove nucleari collocato nel sottosuolo del deserto dei Nevada, un segretissimo esperimento di fusione nucleare ha avuto luogo con successo”. “…..” Ma in che cosa consiste l’esperimento del Nevada? Gli americani hanno fatto esplodere una bomba-A in caverna ed hanno fatto arrivare su un bersaglio costituito da palline di deuterio-trizio posto ad una qualche distanza dalla bomba-A, probabilmente in una seconda caverna attigua, il fascio delle radiazioni emesse nello scoppio della bomba-A. Queste, che sono inevitabilmente costituite da raggi gamma e neutroni, anche se i giornali parlano solo di raggi X, viaggiando molto più velocemente dell’onda d’urto termica dell’esplosione, sono arrivate prima di questa sul bersaglio che ha subito la fusione nucleare, certamente registrata dai sensori degli strumenti di controllo collocati al riparo in una zona più sicura. Subito dopo è arrivata la caldissima onda d’urto che ha distrutto tutta l’attrezzatura usata. Ma ormai l’esperimento era stato fatto! Lo conferma il Nobel Carlo Rubbia in una intervista concessa a Franco Foresta Martin del “Corriere della Sera”, pubblicata il 13 maggio 1988.

Questa notizia,…., è LA CONFERMA più lampante che io potessi andare a cercare della giustezza delle mie idee. La “FUSIONE” infatti, del deuterio e del trizio nell’esperimento del Nevada è avvenuta. per opera delle radiazioni gamma e dei neutroni generati dalla A, PRIMA ANCORA CHE ARRIVASSE L’ONDA DI CALORE! “

Per quanto io abbia cercato in rete non sono riuscito a trovare niente riguardo a questo esperimento, e probabilmente, essendo stato un test militare, non avremo mai dati da analizzare o prove concrete di quello che è avvenuto.

Se qualcuno ha delle notizie da dare o qualcosa da aggiungere spero che si faccia vivo.

Torna alla pagina L’inizio.

Annunci

2 pensieri riguardo “Esperimento del Nevada

    diddi ha detto:
    06/08/2015 alle 14:10

    Ciao, aggiungo delle informazioni trovate sulla rete.
    L’articolo del New York Times a cui si riferisce Boscoli è:
    http://www.nytimes.com/1988/03/21/us/secret-advance-in-nuclear-fusion-spurs-a-dispute-among-scientists.html
    I test precedenti di due anni a cui si riferisce sono probabilmente quelli dell’operazione Charioteer (https://en.wikipedia.org/wiki/Operation_Charioteer), tra i quali il test del 10 aprile 1986 denominato Mighty Oak.
    Infatti, come riportato nelle fonti seguenti, Mighty Oak fu effettuato per testare l’effetto dei raggi X sulla testata dei missili MX e provocò la perdita della strumentazione e gravi effetti di radiazione, ma parte dei dati furono recuperati prima della distruzione. Le fonti sono:
    l’articolo del Washington Post del 14 maggio 1986
    http://www.washingtonpost.com/archive/politics/1986/05/14/nevada-tunnel-too-hot-to-enter-after-a-test/7d377c71-a8e0-470f-9e7a-17c958034433/
    e l’articolo del New York Times del 23 maggio 1987
    http://www.nytimes.com/1987/05/23/us/us-reports-the-details-of-botched-nuclear-tests.html

      alternativescience ha risposto:
      07/08/2015 alle 11:15

      Veramente un ottimo lavoro di ricerca e un grande contributo del quale ti ringrazio.
      Sono andato a vedere tutti i link che mi hai indicato e sono rimasto colpito dalla grande quantita di materiale storico che si puo trovare in rete. Cliccando sul link http://www.osti.gov/energycitations/servlets/purl/1010606-RLKgDr/1010606.pdf, riportato da Wikipedia a proposito del test denominato Mighty Oak, si possono addirittura vedere i piani di costruzione dei tunnel costruiti sui siti degli esperimenti nucleari, compreso quello di cui si parla nell’articolo. Molto istruttivo! Anche se i risultati dell’esperimento rimmarranno “top secret”, e le conclusioni di Boscoli non verificabili, sono contento di avere confermata l’attendibilità delle notizie riportate da Boscoli nel suo articolo.
      Ti ringrazio moltissimo del contributo e ti invito a seguire e, se naturalmente ti va, a continuare a collaborare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...